CONSEGNA GRATUITA A BARI DA 30 € IN ITALIA DA 50 €
COUPON 10% OFF - BENVENUTO2020

Differenze dei cloni di cannabis rispetto ai semi

Differenze dei cloni di cannabis rispetto ai semi
20 Ottobre 2020 @uGuer

Se hai intenzione di coltivare la tua cannabis, che sia una o più piante, ci sono due modi principali per avviare le piante. Questo può essere fatto tramite seme o clonazione. Entrambi hanno i loro vantaggi e svantaggi.

La tecnica che usi per coltivare la tua marijuana può dipendere da diversi fattori. Una considerazione è qual è il tuo obiettivo finale. Stai cercando di produrre un raccolto abbondante da raccogliere e vendere o abbastanza da far divertire te ei tuoi amici? Dovrebbe essere preso in considerazione anche il tuo livello di abilità nella coltivazione di piante, soprattutto se intendi commercializzare il tuo raccolto.

Il modo migliore per decidere quale tecnica è giusta per te è conoscere prima le differenze tra i cloni di cannabis rispetto ai semi.

 

COSA SONO I CLONI VEGETALI?

I cloni vengono coltivati ​​da una pianta centrale e sono geneticamente identici al loro genitore. Sono creati prendendo una talea dalla pianta madre. Questo di solito è un pezzo lungo diversi centimetri da un ramo sano. A quel pezzo di arto, o taglio, viene quindi permesso di far crescere le radici. Questo viene spesso fatto mettendo il taglio in acqua fino a quando non sono cresciute radici sufficienti e la pianta può essere messa in una pentola con terra o posta nel terreno.

I migliori cloni sono quelli creati da una pianta madre sana. La pianta dovrebbe crescere rapidamente con un apparato radicale forte e robusto. Dovrebbe anche generare raccolti abbondanti noti per la produzione di cime di alta qualità.

 

 

CANNABIS IN CRESCITA DA CLONI

La coltivazione della cannabis da cloni invece che da semi avviene per diversi motivi. È un metodo di coltivazione più veloce. Il clone di cannabis è già germinato e deve solo mettere radici. Coltivare una pianta velocemente significa anche economico. Meno tempo speso ad aspettare che la pianta maturi significa un raccolto più veloce e se sei un venditore questo equivale alla velocità con cui un prodotto può essere commercializzato.

Con un clone, hai anche un’idea eccellente di come sarà la pianta matura. Sono prevedibili nella qualità dei germogli che produrranno. Questa è una buona cosa quando arriva il momento del raccolto. Sai che tipo di prodotto a base di cannabis otterrai. Un altro vantaggio della coltivazione di cannabis da cloni è che se la pianta madre ha qualità resistenti ai parassiti, lo sarà anche il clone. Una pianta resistente agli insetti rende la pianta più forte e un migliore raccolto di marijuana.

D’altra parte, la clonazione di una pianta presenta alcuni inconvenienti. Le piante cresciute dai semi hanno la capacità di adattarsi ai cambiamenti nel loro ambiente, così come ogni futura generazione della pianta. Questa adattabilità aiuta il lignaggio della pianta ad essere abbastanza forte da crescere in diverse condizioni ambientali. Una pianta clonata è esattamente la stessa geneticamente del suo genitore e non può cambiare la propria genetica per adattarsi a un ambiente che cambia.

Inoltre, le piante coniche producono generalmente un raccolto inferiore rispetto a quello cresciuto da una piantina. Il clone tende ad essere una pianta molto più debole, con un apparato radicale che non cresce forte e profondo come fa la piantina. Un altro problema potrebbe essere che il genitore del clone potrebbe non aver avuto qualità di resistenza a insetti e parassiti nel suo corredo genetico. Questo può rendere la pianta clonata suscettibile a dannose infestazioni.

 

CANNABIS IN CRESCITA DAI SEMI

Esistono due tipi di ceppi di semi, stabili e instabili. Come dice il nome, un ceppo di semi stabile ha sempre le stesse qualità. Il coltivatore o l’allevatore inizierà con una pianta sia maschio che femmina e le alleverà fino a quando le qualità specifiche desiderate non saranno stabilizzate nella pianta. Le nuove piante nel lignaggio della razza avranno la maggior parte degli stessi tratti desiderati, insieme ad alcune variazioni genetiche.

Un ceppo di semi instabile spesso produce piante più rapidamente, ma non c’è coerenza nei loro tratti e nella qualità dei loro raccolti. Le piante che crescono non sono una varietà rispettabile. La maggior parte dei dispensari di cannabis non acquista prodotti da piante coltivate da ceppi di semi instabili.

Le piante di cannabis coltivate da ceppi di semi stabili sono una pianta molto più sana di quelle coltivate da cloni. La piantina ha un apparato radicale molto più forte, a partire da un fittone. Questa è una radice che cresce verticalmente verso il basso per una notevole distanza dal seme. Forma un forte ancoraggio che è in grado di raggiungere ricchi nutrienti in profondità nel terreno. Una pianta robusta e sana crea una resa più significativa del prodotto. Con i semi di cannabis, hai anche una varietà molto maggiore di piante tra cui scegliere.

Gli svantaggi della coltivazione da un seme di cannabis includono il non conoscere le qualità specifiche della pianta fino a quando non raggiunge la maturità. Coltivare una pianta dal seme richiede più tempo per essere coltivata. I semi sono molto delicati nelle prime fasi di crescita e hanno bisogno di più abilità per crescere. Quando coltivi una pianta dal seme, non sai se è maschio o femmina finché non è completamente cresciuta.

Una pianta femmina coltiva i fiori o le gemme e una pianta maschio crea i semi. La femmina è la pianta che desideri per la raccolta del tuo prodotto a base di marijuana.

 

QUALI SONO I MIGLIORI PER INIZIARE?

Se avviare una pianta da un seme o da un clone è il metodo migliore, dipende da diversi fattori. L’abilità del coltivatore è essenziale. I semi richiedono più tempo, pazienza e un po ‘più di know-how rispetto alla crescita da un clone. Per un principiante del giardinaggio, coltivare una pianta di cannabis da un clone è l’opzione migliore. Se hai alcune abilità di giardinaggio avanzate ma hai appena iniziato a imparare a coltivare la cannabis, coltivare la pianta da un clone potrebbe ancora essere la strada da percorrere … almeno fino a quando non capirai le tecniche uniche necessarie nel processo di crescita delle piante di marijuana.

Coltivare cannabis da un seme o da un clone ha sia i suoi vantaggi che gli svantaggi. Il metodo migliore dipende dalle tue preferenze personali, esigenze e capacità di coltivazione delle piante. In ogni caso, con un po ‘di tempo, pazienza, sole e acqua puoi avere la tua pianta di cannabis o file di piante in pochissimo tempo!

Comments (0)

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

GO TO SHOP

×